PIERO PIRACCINI


Noi siamo quelli che veniamo dopo

Ormai ci siamo. Fa niente se la conoscenza sempre crescente ci consente di raggiungere mete una volta impensate; se un mondo sempre più ricco è stato capace di dotarsi d’istituzioni preposte ad assicurare diritti e uguaglianza per tutti; se la nostra Costituzione ha nel suo DNA il diritto al lavoro […]

Senza indignazione alcuna

E’ venuto il tempo di riprendere in mano la bussola dei diritti umani (compiranno 70 anni nel 2018) e fare i conti con le nostre responsabilità. Contro l’indifferenza, l’ipocrisia, la rassegnazione.

Immaginatevi 7000 studenti e insegnanti…

Che cosa è stato il Meeting delle Scuole della Pace per la Fraternità e il Dialogo, la più grande manifestazione delle scuole per la pace che l’Italia possa annoverare nella sua storia.

25 anni sulla strada di Balducci, per non tradirlo

25 anni sulla strada indicata da Padre Balducci, per non tradirlo Padre Ernesto Balducci ci aveva detto: “Visto il vostro impegno, perché non istituite una sorta di Università della Pace?”. Lo prendemmo in parola: tempo poco più di un anno e a Cesena istituimmo l’Università della Pace “Ernesto Balducci”, con […]

Se è vero che le guerre…

Mentre l’idea che Trump ha del mondo fa trattenere il fiato al mondo intero, l’Italia si muove lungo percorsi che preoccupano chi considera la pace, nello steso tempo, strumento e fine. Alcuni esempi.

Stupidità e criminalità. Niente di nuovo

In fondo non è cambiato molto. Sì, i personaggi sono diversi, ma la sostanza non cambia. Le divisioni attraversano molte componenti minoritarie della sinistra politica italiana. Risultato? Milioni di elettori arrabbiati e/o sfiduciati si gettano nelle braccia della pura protesta e dell’astensione.

Terremoti e guerre, la Marcia e la Costituzione

quali domande porre a una politica da troppo tempo così afasica sui temi posti dalla Marcia? Che non sono solo il binomio pace/guerra, ma anche le disuguaglianze e la cura della terra. A ogni terremoto le immagini mostrano persone che ripetono: sembra di essere in guerra.

Cercare un’altra strada

Occorrerebbe una politica attenta di cui si vedono deboli tracce. Perché c‘è sempre dell’altro cui riservare le priorità.

A Sofri, e non solo a lui, gli scappa la guerra

Non è la prima volta che Adriano Sofri invoca l’attacco di terra, se le bombe si mostrano inefficaci. Lo fece ai tempi dell’ex Jugoslavia e lo fa adesso parlando di Mosul.

Dario Fo, un prosciutto e una Marcia della Pace

E’ trascorso poco meno di mezzo secolo da quando ho incontrato per la prima volta Dario Fo. In una delle tante case del popolo che, allora, facevano la cultura di un paese.

Ma a che serve camminare per la pace?

Come sosteneva Norberto Bobbio: “ se serve acqua e tutti i contadini del mondo fanno una danza della pioggia, non è detto che piova davvero, ma se tutti i cittadini del mondo partecipano a una marcia per la pace, allora è certo: le guerre finiranno”.