Una grande manifestazione di pace!


La redazione


Si è svolto ieri il Meeting di pace nelle trincee della grande guerra. 1000 studenti e insegnanti sotto la pioggia per dire basta a guerre e violenze!


CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+
IMG_6227

Meeting di pace sulle trincee della Grande Guerra

Monte Brestovec (Savogna d’Isonzo, GO)

Monte San Michele (Sagrado d’Isonzo, GO)

 

Vedi le foto del meeting

 

Venerdì 16 marzo più di mille studenti e insegnanti del Friuli Venezia Giulia si sono incontrati nelle trincee del Carso goriziano per dare vita ad una grande manifestazione di pace contro le guerre, la violenza e l’indifferenza.

Il Meeting ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica per il suo alto valore culturale.

A 100 anni dalla fine della prima guerra mondiale, a 7 anni dallo scoppio della guerra in Siria, ragazze e ragazzi dai 6 ai 20 anni, sotto una pioggia battente, sono tornati nei luoghi simbolo dell’Inutile Strage per dire basta a tutte le guerre e alle violenze che continuano a insanguinare il mondo e per assumersi in prima persona la responsabilità di costruire la pace.

Per la prima volta, all’interno di una trincea, cinque esponenti religiosi di quattro diverse fedi (cattolica, musulmana, ebraica e buddista) si sono trovati insieme e uniti in un’invocazione comune per la pace. Don Pierluigi Di Piazza, Presidente del Centro Balducci di Zugliano, Nader Akkad, Imam di Trieste
, Ghesce Lobsang Pendhe, maestro buddista
, Ariel Haddad, Rabbino di Slovenia e padre Antonello Fanelli del Sacro Convento di San Francesco d’Assisi hanno pregato e invitato i giovani a farsi costruttori di pace, ad essere fratelli ed agire con amore gli uni verso gli altri.

Altre personalità hanno voluto portare la propria testimonianza di impegno quotidiano contro la violenza, l’ingiustizia e l’esclusione sociale: Jean Fabre, esperto delle Nazioni Unite
, Imma Tromba, operatrice del Centro Antiviolenza sulle donne di Trieste
 e Romeo Mattioli, Presidente regionale Anmil
. Accanto a loro le riflessioni di Bishra Sulaiman Qari, studentessa irachena e Ahmed Sharafaldeen, studente egiziano del Collegio del Mondo Unito di Duino, dei rappresentati del Governo dei Giovani di Fiumicello e di alcuni migranti ospiti dei Centri di accoglienza di Savogna, Sagrado e del Centro Balducci.

Non solo testimonianze ma anche musica e canzoni, quelle di Erika Boschiero, di Emilio Franzina e gli Hotel Riff e del Liceo musicale Carducci-Alighieri di Trieste.

Le scuole sono state accolte dalla Sindaca di Savogna Alenka Florenin e dal Sindaco di Sagrado Marco Vittori. Anche il Prefetto di Gorizia, Massimo Marchesiello, ha voluto portare il suo saluto a studenti e insegnanti.

Presenti all’iniziativa tutti i rappresentanti delle istituzioni e organizzazioni che hanno promosso il Programma regionale di educazione alla pace e alla cittadinanza “Dalla Grande Guerra alla Grande Pace 2014-2018 e organizzato il Meeting: Flavio Lotti, Coordinatore del Meeting, Aluisi Tosolini, Coordinatore della Rete Nazionale delle Scuole di Pace, Sabrina Calvosa della Direzione generale del MIUR, Loredana Panariti, Assessora all’Istruzione della Regione Friuli Venezia Giulia, Federico Pirone, Presidente del Coordinamento regionale degli enti locali per la pace, Igor Giacomini, Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale del Friuli Venezia Giulia
, Guido Barbera del Cipsi e Piero Piraccini della Tavola della pace.

Il Programma ha coinvolto 590 docenti di 113 scuole di tutta la Regione nella realizzazione di tantissimi programmi, progetti, eventi, corsi di formazione, seminari di studio, lezioni, laboratori, meeting, marce per la pace e manifestazioni pubbliche.

Tutti i partecipanti si sono dati appuntamento alla prossima Marcia della pace e della fraternità PerugiAssisi del 7 ottobre!

Vedi le foto del meeting

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *