Consiglio Europa: Italia corresponsabile morte di 63 migranti libici


Avvenire


L’Italia come primo stato avrebbe dovuto assumere la responsabilità del coordinamento delle operazioni di soccorso.


CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+
Consiglio Europa: Italia  corresponsabile morte  di 63 migranti libici

​Un "fallimento collettivo" di Italia, Malta, Onu e Nato che ha portato alla morte di 63 migranti, costretti alla deriva per due settimane in mare e lasciati morire di fame e di sete. È la conclusione cui è giunto il Consiglio d'Europa sulla sorte del barcone di migranti africani, tra cui donne, bambini e rifugiati politici, che alla fine del marzo scorso partì da Tripoli e cercò senza successo di raggiungere l'isola di Lampedusa. "L'Italia – si legge nel rapporto approvato oggi dal Comitato per l'Immigrazione dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa – come primo stato avrebbe dovuto assumere la responsabilità del coordinamento delle operazioni di soccorso".

"Si è trattato – recita ancora il rapporto – di un fallimento collettivo della Nato, dell'Onu e gli singoli Stati nel pianificare gli effetti le operazioni militari in Libia e prepararsi per un atteso esodo via mare". L'inchiesta, firmata dalla senatrice olandese Tines Strik e durata 9 mesi, e anticipata ieri da The Guardian, punta l'indice su carenze umane e istituzionali che condannarono all'atroce destino gli occupanti. Errori compiuti tanto da navi militari che civili, insieme ad ambigue richieste di soccorso e la confusione sulla responsabilità dei soccorsi.

Fonte: www.avvenire.it
29 Marzo 2012

ULTIME NEWS

LA REDAZIONE
LA REDAZIONE
DOMENICO GALLO
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+

Lascia un commento