AVVENIRE


Sconfiggere la fame primo passo per la pace

In Tigrai primi morti per fame. Le persone che hanno bisogno di cibo e assistenza sanitaria sono raddoppiate da 2,2 a 4,5 milioni di tigrini su 6 milioni. Più di 2,5 milioni sono gli sfollati e 60mila i profughi fuggiti in Sudan

Il virus della disuguaglianza

Mentre un’élite di miliardari ha continuato ad accumulare ricchezza nel corso della più grave crisi dai tempi della Grande Depressione, miliardi di persone sono state spinte sull’orlo della povertà.

In ricordo di Willy Duarte

Il parco comunale di Paliano è stato intitolato a Willy nel giorno del suo compleanno.

Balcani, continua la gelida vergogna

Non cessano i respingimenti di profughi, nuove denunce, anche contro Frontex. Le «deportazioni» forzate in condizioni climatiche estreme nel mirino di un’inchiesta Ue

Chi sono i poveri del Covid?

A Natale quattro milioni di italiani costretti a chiedere aiuto per il cibo. Le altre emergenze? Casa e lavoro.

Accoglienza: chiusa la fase dei ghetti?

Mercoledì 16 inizia l’esame del Senato sulle norme che cancellano i decreti Salvini. Debutta il sistema Sai, addio al Siproimi. In questi anni, 30mila irregolari in più.

Etiopia, incubo scudi umani

Nella “capitale” vivono 500mila abitanti. Scaduto l’ultimatum alla provincia ribelle, la diplomazia internazionale cerca di scongiurare il massacro: una delegazione dell’Unione Africana ad Addis Abeba

Noi, il plurale dell’economia

Io, l’altro, noi. Cuciti insieme dalle parole di papa Francesco, questi tre termini diventano gli estremi della mappa consegnata ai giovani di 115 Paesi, riuniti virtualmente ad Assisi.

Il Papa ai giovani: niente scorciatoie, sporcatevi le mani!

Il testo del videomessaggio che Papa Francesco ha inviato, a conclusione dei lavori, ai partecipanti all’Incontro internazionale “Economy of Francesco – Papa Francesco e i giovani da tutto il mondo per l’economia di domani”.

Garantire il diritto al soccorso!

Nasce un Comitato per la difesa dei migranti in mare. Tra i promotori ci sono Manconi, Zagrebelsky, Veronesi e molte organizzazioni non governative. «Va ripristinato un sistema efficace»

Vita e morte di un prete italiano

Tutti vorremmo poter contare nella nostra vita su un prete così. Perché nel mezzo di una giornata di lacrime e sgomento, di parole sagge e necessarie intrecciate ad altre strumentali e inutili come il grano alla zizzania, rischia di passare inosservata una notizia decisiva per capire il senso di un’esistenza […]