Ogni città un cantiere di pace!


La redazione


Aderisci al Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e lavora insieme a chi promuove dignità, diritti, solidarietà, educazione, cura dei beni comuni.


CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+
462


Aderisci al Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani!

Vedi le proposte di lavoro per il 2019!

 

 

Molti grandi problemi del nostro tempo, dalla crisi economica al cambiamento climatico, dalle disuguaglianze alle migrazioni, continuano ad aumentare la pressione sulle nostre città e sulla vita di tutti i giorni.

La pace che tante volte invochiamo per il mondo intero è sempre più in pericolo anche nelle nostre comunità dove si diffondono tra le persone ansietà, sfiducia, solitudine e violenza. Talvolta le soluzioni sono fuori dalla nostra portata. Ma molto spesso è proprio nelle nostre città che si trovano le risposte ai problemi più concreti delle persone.

Per questo, raccogliendo l’invito di Papa Francesco, vogliamo pensare a ciascuna delle nostre città come un “cantiere di pace”. Dentro a ciascuno di questi cantieri, ci sono sindaci, assessori, consiglieri, funzionari e cittadini impegnati a difendere e promuovere il rispetto della dignità e dei diritti fondamentali di ogni persona, la solidarietà di chi è in difficoltà, la cura dei beni comuni, l’educazione e la formazione dei più giovani.

Per rafforzare ed estendere questi “cantieri di pace”, invitiamo i Sindaci ad aderire al Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e a lavorare assieme condividendo le buone pratiche, le esperienze positive e la ricerca delle soluzioni ai problemi irrisolti.

Andrea Ferrari
Presidente

Flavio Lotti
Direttore

Vedi e scarica tutti i documenti utili!

 

  1. Delibera per adesione al Coordinamento: Delibera Citta` per la pace 2019
  2. Statuto del Coordinamento: Statuto Coordinamento EELL Pace 2019
  3. Il Programma 2019
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *