Tessitrici di pace. Palestina, Saharawi, Kurdistan. Donne senza confini, donne oltre i confini


La redazione


Il 12 Marzo a Viareggio presso il Palazzo delle Muse alle ore 17.00 avrà luogo un incontro organizzato dall’Associazione Popoli Diritti Culture che vedrà come protagoniste le donne. Vieni anche tu!


CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+
Tessitrici di pace. Palestina, Saharawi, Kurdistan. Donne senza confini, donne oltre i confini

Confini invisibili, confini violati, confini inventati, confini illegali: incontrare tre donne, rappresentanti di popoli i cui diritti sono costantemente violati, portatrici di culture che lottano per non sparire, abitanti di terre nelle quali vige il diritto del più forte, donne che vivono in condizioni di conflitto permanente, non è semplicemente raccogliere testimonianze.

Significa in primo luogo ascoltare, confrontarsi e costruire un pensiero ed un agire comuni. Un lavoro di lenta e paziente tessitura che può apparire in contrasto con la velocità e la fluidità dei tempi contemporanei ma che si rivela una solida e resistente strategia per l'abbattimento di muri e il superamento dei confini.

Programma

12 Marzo 201

Palazzo delle Muse, sala APT Versilia, Viareggio

ore 17.00

Ore 17.00 Riconoscimento della Provincia di Lucca a Flavio Lotti, Coordinatore della Tavola della Pace di Perugia, per il suo impegno per la diffusione di una cultura di pace.

Saluti delle istituzioni e delle associazioni presenti

ore 17.30

MAGDA TOMEI Presidente Associazione Popoli Diritti Culture
 
modera
 
ILARIA VIETINA
Coordinatrice della Scuola per la Pace Provincia di Lucca
 
ore 18.00
 
RANDA HARB
palestinese, Tavola della Pace di Perugia
 
HEVI DILARA
rifugiata politica dal Kurdistan turco
 
SOUADOU LAGDAF
rappresentante popolo saharawi
 
ore 19.30
 
ERSILIA RAFFAELLI
Casa delle Donne di Viareggio

In allegato il volantino dell'iniziativa!

scarica l’allegato

ULTIME NEWS

IL MANIFESTO
FAMIGLIA CRISTIANA
L’OSSERVATORE ROMANO
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+

Lascia un commento