L’Italia che resiste, il 2 febbraio iniziative in oltre 280 comuni italiani


La redazione


La Tavola della pace aderisce all’appello e sabato 2 febbraio parteciperà alla catena umana sotto al Comune di Perugia e Marsciano.


CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+
ItaliaResiste2f


Sabato 2 febbraio 2019 dalle 14:00 alle 17:00

Autoconvocazione spontanea di cittadini e associazioni per dare vita ad una catena umana attorno a tutti gli edifici di tutti i Comuni Italiani.

Perché abbiamo scelto di resistere alle scelte inumane di chi vorrebbe lasciar morire in mare chi scappa dalla guerra, dalla fame e dalla povertà.

Perché non si torni indietro mai più.

Porta con te un simbolo del salvataggio in mare.

La manifestazione del 2 febbraio nasce come reazione spontanea di un gruppo di cittadini impegnati nel sociale davanti al quotidiano sfoggio di barbarie e crudeltà. La nostra aspirazione è quella di far passare il concetto che siamo dei normali cittadini intenzionati a contrastare politiche di governo che vanno in modo antistorico riportando nel nostro paese razzismo e xenofobia.

Perché il 2 febbraio? Perché sono passati pochi giorni dopo il giorno della memoria e noi non vogliamo essere come quelli che in tempo di guerra hanno fatto finta di non vedere quello che stava accadendo. Se vuoi partecipare,  ti chiediamo di recarti sotto l’ufficio del Comune della tua città, assieme agli amici che come te vogliono manifestare. Vogliamo manifestare ovunque, non in un’unica città, per dimostrare che ovunque ci sono cittadini che dissentono da queste politiche di governo. Ti chiediamo di essere una cellula di un organismo che manifesta assieme. Essendo noi un gruppo di cittadini non abbiamo la forza di istituzionalizzare o promuovere attraverso pubblicità la nostra iniziativa. Ci affidiamo al tamtam, speriamo nell’organizzazione autonoma di altri gruppi. Questa volta, a differenza di altre manifestazioni, sono benvenute le bandiere che sottolineino l’adesione di associazioni, partiti politici, istituzioni. E l’ora di metterci la faccia e contarci.

 

Manifestazione a Perugia

22febbraioPG

 

 

Comuni in cui ci sarà un presidio dei cittadini (elenco in continuo aggiornamento nella pagina Facebook Resistenza 2 Febbraio):

 

Per riconoscerci indossiamo tutti qualcosa di rosso.

Se vuoi organizzare un presidio nella tua città scrivici a resistenza2febbraio@gmail.com

Vedi tutte le iniziative

Lista aggiornata alle 11.30 del 01/02/2019

ABRUZZO
Paglieta
Tollo
Vasto

BASILICATA:
Matera

CALABRIA:
Cosenza
Vibo Valentia

EMILIA-ROMAGNA
Bologna
Borgo val di Taro
Castelnovo di Sotto
Castenaso
Cavriago (RE)
Ferrara
Faenza
Forlì
Forlimpopoli
Granarolo dell’Emilia
Gualtieri
Modena
Parma
Piacenza
Pianoro
Ravenna
Reggio E.
Rimini
Sassuolo
S.G. Persiceto
Spilamberto
Valsamoggia

FRIULI-VENEZIA GIULIA
Monfalcone
Trieste
San Vito al Tagliamento

LAZIO
Civitavecchia
Latina
Roma
Trevignano Romano
Viterbo

LIGURIA
Ceparana (Bolano)
Chiavari
Genova
Imperia
La Spezia
Lavagna
Luni
Recco
Sanremo
Sarzana

LOMBARDIA
Arese
Bergamo
Botticino
Brescia
Broni
Bussero
Cassina de Pecchi
Cernusco sul Naviglio
Como
Cremona
Darfo Boario Terme
Lodi
Malegno
Malnate
Milano
Monza
Pavia
Rodano
Saronno
Varese
Varzi
Vimodrone
Vizzolo Predabissi
Peschiera Borromeo

MARCHE:
Ancona
Pennabilli
Pesaro
Senigallia (ore 17)
Fano (piazza XX Settembre ore 16)

MOLISE: Larino (Campobasso)

PIEMONTE
Alba
Almese
Alpignano
Avigliana
Bardonecchia
Beinasco
Bene Vagienna
Biella
Borgomanero
Bra
Bussoleno
Brandizzo
Cambiano (ore10.45)
Carmagnola (ore 11)
Casale Monferrato
Cassine
Castellamonte
Collegno
Condove
Cumiana
Cantalupa
Casale Monferrato
Cavour
Chieri
Chivasso
Cumiana
Cuneo
Domodossola
Ghemme
Giaveno
Ivrea
Frossasco
Fossano
Gassino
Galliate
Luserna San Giovanni
La Loggia
Mappano
Mathi
Mondovì
Moncalieri
Nole
None
Novara
Novi Ligure
Omegna
Orbassano
Pianezza
Pinasca
Pinerolo
Piobesi
Piossasco
Racconigi
Rivoli
Robilante
Saluzzo
Sant’Antonino di Susa
Savigliano
Settimo
Torino
Torre Pellice
Trinità
Trofarello
Vaie
Volpiano
Vercelli
Verbania
Verzuolo
Vinovo
Volvera

PUGLIA
Tricase
Locorotondo
Putignano
Foggia
Ruvo di Puglia
Alberobello
Terlizzi

SARDEGNA
Cagliari
Luogosanto
Nuoro
Alghero
Iglesias
Tempio Pausania

SICILIA
Avola
Siracusa
Palermo
Termini Imerese
Messina
Modica
Monreale
Noto
Scicli
Trapani (Piazza Saturno dalle ore 17.00 alle ore 19.00)

TOSCANA
Agliana
Bucine
Calenzano
Camaiore
Campi Bisenzio
Castelfiorentino
Castiglion Fibocchi
Certaldo
Firenze (Piazza Santa Croce)
Fucecchio
Greve in Chianti
Empoli
Figline
Londa
Poggibonsi
Livorno
Lucca
Manciano
Massa
Montespertoli
Pietrasanta
Piombino
Pistoia
Pitigliano
Pisa
Portoferraio
Pontedera
Pontremoli
Sesto F.
Sinalunga
Siena
Sovicille
Vaglia
Volterra

TRENTINO-ALTO ADIGE
Trento
Bolzano

UMBRIA
Acquasparta
Perugia
Marsciano
Orvieto

VENETO
Asiago
Barbarano
Castelfranco Veneto
Castello di Godego
Cittadella
Este
Isola vicentina
Mirano
Mogliano V.
Mossano
Montebelluna
Padova
San Martino di Lupari
San Vito al Tagliamento
Schio
Treviso
Venezia (Campo Manin)
Verona

L’italia che resiste – Manifesto delle Piazze

La Manifestazione del 2 febbraio nasce come reazione spontanea di un gruppo di cittadini impegnati nel sociale davanti al quotidiano sfoggio di xenofobia, egoismo e mancanza di empatia.
Non vogliamo essere come quelli che in tempo di guerra hanno fatto finta di non vedere quello che stava accadendo, questa piazza autoconvocata vuole essere la scintilla di una nuova resistenza.

Quella di l’Italia che RESISTE è una piazza libera, plurale, autonoma.
La presenza di bandiere e simboli di partiti e movimenti è un invito ad un’assunzione di impegno e responsabilità di fronte alla collettività: chi sarà in piazza sabato dovrà poi dar seguito alla propria presenza anche nelle opportune sedi istituzionali.

Nessuno può mettere il cappello o strumentalizzare questa piazza senza venir chiamato col nome di chi si appropria di cosa non sua
L’Italia che RESISTE sostiene l’illegittimità umana e morale dei provvedimenti in materia di sicurezza.

Chi chiedete sono gli ideatori?

Ci presentiamo, siamo quattro persone che fanno parte della cosiddetta “cittadinanza attiva”: siamo umani e vogliamo restarlo contrastando il crescente clima di odio e le violazioni dei più elementari diritti umani

Luisa Maria Orsi, laureata in scienze diplomatiche, mediatrice, volontaria di R@inbow for Africa

Luisa Mondo, medico, attiva nella Società Italiana di Medicina delle Migrazioni e volontaria di R@inbow for Africa

Giovanni Gariglio, ottico, laureato in lettere moderne, essere umano e volontario di R@inbow for Africa

Michele Angheleddu, counsellor, formatore, essere umano e volontario di R@inbow for Africa

Quali sono gli obiettivi della piazza?
In primis l’abrogazione del “Decreto Sicurezza”
Altro che buonismi: Italia che RESISTE sostiene l’illegittimita e dei provvedimenti in materia di sicurezza e chiede che questi provvedimenti, insieme all’esecutivo Salvini / di Maio vengano consegnati al tribunale della storia.
A quali altre iniziative aderiamo?
NON SIAMO PESCI
NON IN NOSTRO NOME…

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti su “L’Italia che resiste, il 2 febbraio iniziative in oltre 280 comuni italiani

  • Carla

    Sono molto contenta di questa iniziativa di oggi. E’ importantissima perché permette di esprimere tutto il dissenso nei confronti di un atteggiamento e di un operato che offende la sensibilità e l’intelligenza umana. Viene offesa e calpestata la sensibilità umana, che impone di aiutare chi è in stato di pericolo; viene offesa l’intelligenza umana, perché si paventano pericoli che non esistono e, anzi, si fa di tutto per creare, lasciando molti migranti, che prima avevano una sistemazione nei campi, allo sbando.