F35, Corte dei conti: spese raddoppiate e minore occupazione, ma difficile uscire


Il Fatto Quotidiano


L’analisi dei giudici contabili: ritardi, spese raddoppiate e ricaduta occupazionale inferiore alle attese. Ma uscire dal progetto costerebbe troppo.


CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+
f353-675

Il programma F-35 “è oggi in ritardo di almeno 5 anni” per le “molteplici problematiche tecniche” che hanno fatto anche si che i costi del super-caccia siano “praticamente raddoppiati“; anche le prospettive occupazionali per l’Italia “non si sono ancora concretizzate nella misura sperata”.

Tuttavia, “l’esposizione fin qui realizzata in termini di risorse finanziarie, strumentali ed umane è fondamentalmente legata alla continuazione del progetto” ed uscirne ora produrrebbe importanti perdite economiche.

E’ quanto si legge in un’analisi della Corte dei conti. Come aveva anticipato il Fatto Quotidiano dieci giorni fa, i giudici contabili parlando del rendiconto dello Stato sottolineano che “la stima dei ritorni occupazionali generati da parte dell’Industria, inizialmente pari a 6.400 posti di lavoro, è ritenuta realisticamente realizzabile in 3.586 unità, anche sulla base dell’aggiornamento di Leonardo–DV di febbraio 2017”.

A più riprese il progetto F35 era stato messo “in discussione” soprattutto in Parlamento. Ma in tutte le occasioni era stato l’allora presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a ribadire che non si tornava indietro: nel 2013, per esempio, riunì il Consiglio supremo di Difesa al Quirinale: il Parlamento non può porre veti al governo in tema di ammodernamento dell’apparato militare, disse l’organismo; un anno dopo il bis: mentre si rincorrevano voci sul possibile taglio all’acquisto di cacciabombardieri, il capo dello Stato convocò di nuovo il consiglio di difesa per mettere all’ordine del giorno le “criticità sulla legge 244”, che prevedeva che il Parlamento avesse potere di controllo sulle spese della Difesa.
I ritorni del programma portano risultati ridimensionati, ma non compromessi, secondo i magistrati contabili. Un programma, si legge nella relazione, quello per lo sviluppo e la produzione di un velivolo di ultima generazione, con capacità multi-ruolo, bassa osservabilità e flessibilità di utilizzo in contesti operativi complessi, al quale l’Italia ha partecipato fin dalle origini, nel perseguimento di obiettivi strategici (rimpiazzo di parte della propria flotta; mantenimento della sovranità nazionale) e economici (previsione di ritorni industriali, occupazionali e tecnologici). “La costruzione di un sistema d’arma aeronautico di ultima generazione è certamente una sfida impegnativa in termini di costi e di tempo – spiega il rapporto – Il velivolo si vuole dotato delle più avanzate tecnologie, tanto estreme quanto immature”. Ma, osserva la Corte, “l’incremento del numero dei velivoli che saranno commissionati dai Partner nei prossimi cinque anni lascia infatti intravedere come ormai prossima la possibilità di una rapida crescita dei ritorni industriali relativi alla produzione del velivolo, del motore e dei sistemi, nonché allo sviluppo delle conseguenti necessità manutentive”.

È stato già riscontrato, rileva la Corte, come i “risparmi” teoricamente ottenuti dalla diminuzione della flotta (5,4 miliardi) si siano riverberati in concrete perdite contrattuali (3,1 miliardi) che già ne hanno dimezzato il potenziale effetto, oltre alla perdita di ritorni industriali legata all’essere scesi sotto la soglia dei 100 velivoli. Un’ultima considerazione attiene all’impatto del Programma sul sistema Paese, intendendo per esso le imprese ed i lavoratori in esso coinvolti. Il volume economico stimato per i prossimi vent’anni, pur nella sua visione più ottimistica, assume dimensioni ragguardevoli (circa 14 miliardi di dollari) e non va sottovalutato l’effetto moltiplicatore sull’indotto. La valutazione, sostiene la Corte dei conti, “deve tener conto, proprio in termini squisitamente economici, della circostanza che l’esposizione fin qui realizzata in termini di risorse finanziarie, strumentali ed umane è fondamentalmente legata alla continuazione del progetto“.

7 agosto 2017

 

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *