Congo, vince Tshisekedi. Ma è già caos


Avvenire


Dopo l’annuncio cresce la tensione: l’altro esponente dell’opposizione, Fayulu, contesta il risultato, accettato invece dal delfino del leader uscente Kabila.


CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+
Cong0

È già caos nella Repubblica democratica del Congo dopo che, la scorsa notte, la Commissione elettorale ha diffuso i dati delle elezioni presidenziali dello scorso 10 dicembre. A essere nominato vincitore è stato uno dei due principali candidati dell’opposizione, Felix Tshisekedi.

A sorpresa, dicono oggi in molti, ma a ben vedere Tshisekedi era in testa nei (pochi) sondaggi già dallo scorso ottobre. Il leader della storica Unione per la democrazia e il progresso sociale (Udps) ha raccolto il 38,57% dei voti, mentre secondo è arrivato un altro oppositore, l’uomo d’affari del petrolio Martin Fayulu, con quasi il 35% dei voti. Solo terzo il “delfino” del presidente Joseph Kabila, l’ex ministro dell’Interno Emmanuel Ramazani Shadary, con il 24 %.

Se Shadary ha riconosciuto come legittimo il risultato, è da Fayulu che arrivano bordate. “Questo risultato non ha niente a che vedere con la verità nelle urne”, ha detto Fayulu parlando di numeri “assurdi” e denunciando frodi da parte della commissione elettorale. “Il popolo del Congo è stato defraudato delle proprie elezioni – ha affermato ancora – e non accetterà mai una frode del genere. Felix Tshisekedi non ha mai avuto 7 milioni di voti, dove li avrebbe presi?”.

Dubbi sollevati anche dal Belgio e dalla Francia, con il ministro degli Esteri di Parigi Jean-Yves Le Drian che parla di risultato “non coerente” con la situazione effettiva: “Fayulu era in linea di massima il leader che doveva uscire da queste elezioni”. Il sospetto di alcuni sostenitori di Fayulu, secondo cui Tshisekedi avrebbe vinto solo grazie a un accordo di condivisione dei poteri con l’uscente Kabila, rischia di avvelenare ulteriormente il clima.

A partire da oggi, i candidati dei partiti avranno tre giorni di tempo per fare ricorso davanti alla Corte costituzionale congolese, che a sua volta avrà un’altra settimana di tempo per proclamare i risultati ufficiali. Si teme che l’incertezza possa provocare ulteriore caos e violenza, dopo le tensioni della campagna elettorale.

Il vincitore è chiamato a sostituire Kabila, al potere da 18 anni: è la prima alternanza democratica nella storia del Paese. Tshisekedi ha ricevuto la notizia della sua vittoria nella roccaforte dell’opposizione di Limete, un sobborgo della capitale Kinshasa. Figlio di uno storico leader dell’opposizione, l’ex primo ministro Etienne Tshisekedi, il vincitore, 55 anni, aveva preso le distanze a metà novembre dal blocco comune dell’opposizione Lamuka, (Svegliarsi, in lingua lingala), guidato da Fayulu, per guidare una sua propria lista.

La vittoria di Tshisekedi arriva al culmine di due anni di ritardi e incertezze, da quando Kabila, concluso il suo secondo e ultimo mandato elettorale nel dicembre 2016, si era comunque ancorato al potere. Le elezioni avevano subito vari rinvii, ultimo quello dal 23 al 30 dicembre scorso. Tshisekedi ha promesso di combattere la corruzione e la povertà con un programma teso alla stabilizzazione del Paese. Non c’è nessun accordo con Kabila, sottolineano i suoi, secondo cui quello di Tshisekedi è un trionfo storico nella lunga lotta per la democrazia a lungo combattuta da suo padre.

Paolo M. Alfieri giovedì 10 gennaio 2019

Avvenire

 

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *