Le scuole alla Marcia PerugiAssisi del 10 ottobre 2021


La redazione


Da oltre 10 anni la PerugiAssisi è diventata per le scuole un’esperienza unica di educazione alla pace e un importante esercizio di cittadinanza attiva. Alcune scuole hanno deciso di partecipare… E tu cosa hai deciso di fare?


CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+
535 copia

Da più di 10 anni, la Marcia della pace PerugiAssisi è diventata un bel giorno di scuola per decine di migliaia di studenti e studentesse di tutte le età.Un’esperienza unica di educazione alla pace e un importante esercizio di cittadinanza attiva, responsabilità e crescita personale.

Lo scoppio della pandemia covid19 ha reso tutto più difficile. Ma le cose stanno cambiando.

Come sai, domenica 10 ottobre 2021, a 60 anni dalla prima convocazione di Aldo Capitini, si svolgerà una nuova Marcia PerugiAssisi della pace e della fraternità con il motto di don Lorenzo Milani “I Care”, mi importa, mi sta a cuore, mi sento responsabile, voglio fare la mia parte!

Alcune scuole hanno deciso di partecipare nel rispetto delle regole igenico-sanitarie. E tu cosa hai deciso di fare?

Hai deciso di partecipare? Sei ancora incerta/o?

Compila questo modulo https://forms.gle/uDwbgTBGL6ZUCA1H7 entro il 20 settembre 2021 e…
…aiutaci a valorizzare la partecipazione delle scuole, degli studenti, degli insegnanti e dei dirigenti scolastici che decideranno di esserci.

Come sai, al momento le scuole possono organizzare viaggi d’istruzione da zona bianca a zona bianca e gli autobus possono viaggiare all’80% con il greenpass o il tampone.

***

La Marcia è parte integrante del Programma nazionale di educazione civica e di educazione alla cittadinanza glo-cale “Io ho cura 3” 2021-2022

La Marcia sarà preceduta dalla “Settimana della pace, della fraternità e del dialogo” che si aprirà lunedì 4 ottobre 2021 con la celebrazione della Festa di San Francesco e della Giornata nazionale della pace, della fraternità e del dialogo indetta dal Parlamento nel 2005 (seguiranno ulteriori indicazioni).

***

1920IOHOCURA3

contro l’indifferenza e la cultura dello scarto

Io ho cura 3

Programma nazionale di educazione civica
e di educazione alla cittadinanza glo-cale per le scuole di ogni ordine e grado

“La cura è una pratica
che s’impara con la pratica”

——— Indice ———

Introduzione al programma
Facciamo in modo che sia un anno speciale
Quattro proposte per sviluppare la cura delle giovani generazioni
3 cose da fare con gli studenti
Francesco e il coronavirus
Ogni studente un’attività di cura
Laboratorio di futuro
Dalla Settimana della Pace alla Settimana Civica
Scriviamo assieme le Linee guida per l’educazione alla cura

———

Un Programma promosso da

Rete Nazionale delle Scuole per la Pace, Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani, Tavola della Pace, Centro Diritti Umani “Antonio Papisca” e Cattedra Unesco “Diritti Umani, Democrazia e Pace” dell’Università di Padova, Scuola di Alta Formazione “Educare all’Incontro e alla Solidarietà” della LUMSA di Roma

Il programma “Io ho cura 3”

Il Programma nazionale di educazione civica “Io ho cura” ha preso avvio nell’anno scolastico 2019-2020 con la partecipazione di 140 scuole e si è arricchito l’anno seguente (Io ho cura 2 – a.s. 2020-2021) con il contributo di molti docenti.

Con il Programma “Io ho cura 3” intendiamo proseguire e sviluppare le esperienze realizzate nei primi due anni facendo tesoro delle indicazioni emerse nei corsi di Formazione “Coltivare il Bene Comune” (2020) e “E io avrò cura di te – La cura, l’educazione civica e le cose da fare con gli studenti” (2021).

Il Programma è basato sul dialogo e la riflessione pedagogica, personale e collegiale, dei docenti, la progettazione, la ricerca sapienziale, la sperimentazione didattica, l’azione concreta, il lavoro in rete.

I docenti e dirigenti scolastici coinvolti contribuiranno all’elaborazione delle “Linee Guida per l’educazione alla cura”. Partecipa anche tu!

SCARICA IL PROGRAMMA: Programma io ho cura 3

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+