L'OSSERVATORE ROMANO


Quale vita dopo l’emergenza?

Un volume in formato digitale con gli interventi di Papa Francesco sulla crisi provocata dal covid-19.

Riaprire le scuole in sicurezza! Sono l’unico porto sicuro!

Un miliardo di studenti nel mondo sono stati costretti a rimanere a casa per il confinamento antivirus. Per molti di loro andare a scuola significa consumare l’unico pasto della giornata. Non andare a scuole espone a violenza, povertà, malattie con conseguenze nefaste che potrebbero protrarsi per decenni.

La pace va cercata a qualunque costo

All’udienza generale il nuovo monito del Papa contro la «guerra a pezzi» che oggi viene combattuta in diversi modi su vari fronti

Morta di freddo tra le braccia del padre

La piccola Iman è morta di freddo tra le braccia del padre che tentava di raggiungere a piedi un ospedale per curare la bronchite della piccola. Onu: 123 bambini morti nelle stesse condizioni.

Basta muri! 900 bambini vittime della “tolleranza zero”

La denuncia arriva dall’American Civil Liberties Union (Aclu), organizzazione che si occupa di diritti civili. Al confine tra USA e Messico nell’ultimo anno più di 900 bambini migranti, di cui un quinto sotto i cinque anni sono stati separati dalle famiglie.

Libia, l’incognita dei rifugiati

Il governo di Tripoli ha dato parziale seguito a quanto annunciato nei giorni scorsi liberando 350 migranti che erano rinchiusi nel centro di detenzione di Tajoura, colpito la settimana scorsa da un raid dell’aviazione del generale Khalifa Haftar che aveva causato 53 morti.

Immensa tristezza

Dolore e preghiera del Papa di fronte alla straziante foto di un padre annegato con la figlia nel Rio Grande

USA-Iran, appello al dialogo

Appello dell’Onu al dialogo tra Stati Uniti e Iran, mentre nuove sanzioni di Washington colpiscono anche l’Ayatollah Khamenei e il ministro Zarif.

Sudan, scontri a Khartoum

Dopo i violenti scontri di ieri a Khartoum, fra forze di sicurezza e manifestanti, il cui bilancio è salito a 35 morti e centinaia di feriti, il Consiglio di sicurezza dell’Onu si riunisce questo pomeriggio su richiesta di Germania e Regno Unito, per affrontare la difficile situazione del paese africano.