IL MANIFESTO


Siamo in guerra, ma nessuno ce lo ha detto!

Stoltenberg zittisce la proposta di Zelenski: “i membri della Nato non accetteranno l’illegale annessione della Crimea, L’Ucraina deve vincere questa guerra”

Contro la guerra, i ruoli e la violenza di genere

«No ai rituali, oggi è un giorno di lotta» 8 marzo. Sciopero transfemminista, decine di migliaia di donne nelle piazze d’Italia: «Un processo che dura tutto l’anno». Contro la guerra, i ruoli e la violenza di genere. E lavoratrici e studenti occupano.

Putin ha riconosciuto l’indipendenza di Donetsk e Lugansk

Vladimir Putin ha riconosciuto l’indipendenza delle due regioni ucraine che hanno dichiarato l’indipendenza dopo la guerra civile del 2014. La decisione rappresenta una svolta pesante nella crisi in corso ormai da mesi al confine orientale dell’Europa.

Ucraina. Onu: è l’ora del dialogo

Conferenza di Monaco senza Mosca. Documento-bomba dello Spiegel: nel 1991 gli Usa assicurarono ai russi che la Nato non si allargava a Est- Una nota diplomatica riservata tedesca, scoperta negli archivi inglesi.

Tigray, altro che tregua!

Etiopia. Nonostante la liberazione dei prigionieri politici da parte di Abiy Ahmed e la fine degli scontri via terra, proseguono gli attacchi aerei sui ribelli del Tigray. E le Nazioni unite non riescono più a portare aiuti alla popolazione civile e cessano le loro attività.

Sudafrica in lutto, se ne va Desmond Tutu

Aveva 90 anni. Arcivescovo anglicano emerito, massimo alleato dell’Anc nella lotta contro il regime dell’apartheid, Nobel per la pace… Addio a un fuoriclasse dei diritti umani universali e dell’etica Ubuntu

Papa Francesco: due documenti sulla pace

La pace al centro del colloquio con il Presidente Mattarella, al quale il papa ha consegnato un inedito documento scritto per la Giornata Mondiale della pace del 1° gennaio 2022.

Cosa fa l’Europa?

Polonia-Bielorussia. Intervista l’anti-Orbán europeo, il ministro degli Esteri del Lussemburgo, Jean Asselborn: Ma sulla crisi di confine Bieorussia-Polonia la responsabilità è di Lukashenko, un gangster che non ha vergogna di arricchirsi con il traffico di esseri umani

Violenza e femminicidi in aumento

VERSO IL 25 NOVEMBRE. Violenza domestica e femminicidi sono in aumento Il report del Ministero dell’Interno parla di 109 donne uccise dall’inizo del 2021. 93 morte in ambito «famigliare/affettivo». In crescita i dati sui matrimoni forzati. Un terzo delle vittime sono minorenni

Lacrimogeni contro i migranti

Polizia ed esercito polacchi respingono con la forza alcune centinaia di uomini che cercano di passare la frontiera. E l’Ue non dice niente!