CHIARA CRUCIATI - IL MANIFESTO


Regeni, si al processo senza interrompere gli affari!

A due settimane dalla chiusura delle indagini, Piazzale Clodio si prepara a rinviare a giudizio i cinque membri dei servizi segreti considerati gli aguzzini del ricercatore. Conte telefona ad al-Sisi: è tempo di collaborare. Ma nello stesso colloquio, scrivono i media egiziani, ha parlato di rafforzamento dei rapporti commerciali e militari.

37 milioni in fuga dalle guerre Usa

Da dove e perché partono. Rapporto della Brown University sull’effetto delle guerre Usa: dal 2001 al 2019 lo sfollamento forzato da 8 paesi, dall’Iraq alla Siria, fino all’Afghanistan. Numeri al ribasso: allargando al resto dell’Africa, si toccano i 59 milioni, pari alla popolazione italiana. E gli effetti sono duraturi: frammentazione della società, impoverimento, radicalizzazione e fame

La Palestina non è più in vendita!

In migliaia in Italia contro l’annessione. Presidi in 18 città organizzati dalle comunità palestinesi d’Italia. A Roma tantissimi giovani, i partiti della sinistra, la comunità curda, ebrei italiani, l’Anpi

Rojava, 200mila sfollati senza cibo e acqua

In fuga verso l’interno, da Hasakeh a Raqqa. Ad accoglierli le organizzazioni locali, scuole abbandonate, stazioni di benzina, famiglie che aprono le porte. Quasi impossibile attraversare il confine con l’Iraq.

Trump straccia accordo con Iran e minaccia l’Europa

Irandeal. USA via dall’intesa: «Gli iraniani mentono». Nuove sanzioni anche a chi aiuta Teheran. Tusk «L’approccio europeo sia unito». Ha prevalso il pressing saudita e israeliano, dalle guerre in Siria e Yemen al «rapimento» di Hariri

Afrin, bombe sugli sfollati, 150mila senza cibo

Siria. La Turchia colpisce l’ospedale e i pick up in fuga dal cantone curdo-siriano. Erdogan: «La vostra fine è vicina». Silenzio degli alleati Nato. Ankara punta alla distruzione del confederalismo democratico di Rojava

Ad Aida per capire la crisi dell’Unrwa

Nel campo profughi di Betlemme la distribuzione di cibo è già sospesa. Per i rifugiati, però, non si tratta di una questione assistenziale, ma politica: tagliare i fondi all’agenzia Onu significa negare l’esistenza stessa dei rifugiati

Bombe in Libia

Con i raid aerei Usa, si apre un nuovo pericoloso fronte di conflitto, con milizie e popolazione contrari a ingerenze esterne. Quale sarà il ruolo dell’Italia?

Turchia in guerra

La Turchia “paese sicuro” è invischiata nella stessa guerra di Siria e Iraq. In 5 anni 654 morti in stragi terroristiche, eppure Ankara si finge fuori dal conflitto. L’Isis colpisce Istanbul come colpisce Damasco e Baghdad, con una nuova strategia che lo rende “invisibile”.

A Sigonella droni Usa per la Libia

A gennaio, dopo un anno di negoziati, il governo italiano ha dato l’ok. Sigonella, Tripoli, Damasco collegate da un filo che camuffa interessi strategici ben più radicati.