Bookmark and Share
29.10.2009 - Insieme si può

16 maggio 2010. Marciamo insieme da Perugia ad Assisi

Il 16 maggio 2010: Diciamo basta alla violenza e alla paura, diffondiamo la cultura dei diritti umani, costruiamo un’Italia migliore.

Articolo di: La redazione
Foto di Archivio Tavola della pace

       

 
“Non basta parlare di pace. Uno ci deve credere.
E non basta crederci. Uno ci deve lavorare.”
Eleanor Roosevelt

16 maggio 2010

Marcia per la pace Perugia-Assisi


diffondiamo la cultura della pace e dei diritti umani
diciamo basta alla violenza e alla paura
costruiamo un’Italia migliore

Informazioni utili per prepararla insieme
Novembre 2009

La prossima Marcia per la pace Perugia-Assisi si svolgerà domenica 16 maggio 2010. La Marcia sarà preceduta da un grande Forum della pace che si terrà a Perugia, venerdì 14 e sabato 15 maggio.

La data
è stata scelta per facilitare la partecipazione delle scuole, degli studenti e degli insegnanti impegnati in percorsi di educazione alla cittadinanza e alla Costituzione, ai diritti umani e alla pace, all’intercultura, alla legalità e alla solidarietà.

L’obiettivo
di fondo. “Abbiamo bisogno di un’altra cultura!”. Con questo slogan la prossima Marcia per la pace Perugia-Assisi intende invitare tutti, cittadini e istituzioni, a promuovere una nuova scala di valori, sostituendo la cultura della violenza e della guerra con la cultura della pace, dei diritti umani e della nonviolenza, sostituendo l'esclusione con l'accoglienza, l’intolleranza con il dialogo, il razzismo con il riconoscimento dell’altro, l’egoismo con la solidarietà, l’illegalità con la legalità, la separazione con la condivisione, l'arricchimento con la giustizia sociale, la competizione selvaggia con la cooperazione.

La nuova Marcia Perugia-Assisi deve essere l’occasione per rinnovare ed estendere la cultura e l’impegno per la pace e i diritti umani del nostro paese. Protagonisti saranno i giovani, le scuole, i nuovi italiani, gli immigrati e le città della pace e dei diritti umani.


Quattro brevi riflessioni da sviluppare insieme:

1.    La pace: spesso la invochiamo ma non abbiamo ancora capito che dobbiamo essere noi a costruirla. “Non basta parlare di pace. Uno ci deve credere. E non basta crederci. Uno ci deve lavorare.” (Eleanor Roosevelt)

2.    Tutti vogliamo la pace, ma spesso facciamo cose che ottengono l’effetto contrario. Spesso la invochiamo per noi stessi, ma siamo pronti a negarla agli altri. Ma così facendo stiamo perdendo anche quel po’ di pace che i nostri genitori ci hanno donato a prezzo di grandi sacrifici.

3.    L’assenza di una politica di pace è causa di sofferenze indicibili per centinaia di milioni di persone. E di pericoli che ci minacciano sempre più da vicino. Non possiamo permettere che tutto questo venga considerato un problema dei “pacifisti”. Tutti, cittadini e istituzioni, si devono assumere le proprie responsabilità.

4.    La pace non è solo assenza di guerra ma pieno riconoscimento e rispetto dei diritti umani. La difesa e la promozione dei diritti umani comincia nelle nostre città, nelle case, nei condomini, nei quartieri in cui viviamo. Per costruire la pace dobbiamo costruire le città dei diritti umani.

Il Forum prima della Marcia.
Sarà una grande occasione di confronto e approfondimento su tutti i più scottanti problemi della pace. Una grande “Università della pace” aperta alla partecipazione di migliaia di persone, scuole, giovani, gruppi, associazioni, Enti Locali.

Durante il Forum si svolgeranno:

1.    Il Meeting nazionale delle scuole per la pace
2.    Il Meeting dei giovani per la pace
3.    Conferenze, dibattiti, seminari e lezioni di pace.


Al Forum parteciperanno esponenti di primo piano della società civile, di organizzazioni e istituzioni nazionali e internazionali. Tra loro ci saranno donne e uomini che rappresentano le vittime della miseria e dell’ingiustizia, delle guerre e della violenza e che testimoniano l’impegno civile sui grandi problemi sociali, politici, ambientali, culturali del nostro tempo.

L’obiettivo del Forum è riscoprire insieme cosa vuol dire “fare pace” dalle nostre case, dalle strade, dal quartiere in cui viviamo fino all’Onu, riconoscendo le responsabilità di ciascuno, persone, gruppi e istituzioni (facciamo pace tra gli uomini e le donne, facciamo pace con la natura, facciamo pace a scuola, facciamo pace con il pianeta, facciamo pace in Afghanistan, facciamo pace con il lavoro, facciamo pace con l’informazione, facciamo pace con la politica, facciamo pace all’Aquila, facciamo pace con l’Africa, facciamo pace a Gerusalemme...).

I partecipanti internazionali al Forum saranno selezionati e organizzati nell’ambito del progetto “Ospita una persona. Adotta un popolo”.

La Marcia Perugia-Assisi comincia nella tua città.

La Marcia per la pace Perugia-Assisi non è un evento ma la tappa di un cammino che attraversa le nostre città.

La preparazione della Marcia deve dunque partire da ciascuna delle città e dei luoghi in cui viviamo, dalle nostre case, dai nostri quartieri, dalle nostre scuole, dalle nostre parrocchie e chiese, dai nostri luoghi di lavoro, dalle nostre associazioni, da ogni Comune, Provincia e Regione.

In ogni città dovranno essere definiti percorsi, obiettivi e tappe coerenti con gli obiettivi generali del progetto. Tutte le iniziative potranno essere contraddistinte con il logo “Verso la Marcia Perugia-Assisi - 16 maggio 2010”.

Le associazioni, i gruppi e gli enti locali interessati sono innanzitutto invitati a fare due cose:


1.    aderire subito al comitato promotore della Marcia per la pace Perugia-Assisi;

2.    definire un programma di attività per coinvolgere da subito tutti i soggetti presenti sul proprio territorio. In ogni città si potrà seguire la strada più adatta a favorire la più ampia partecipazione attiva.

In particolare invitiamo tutti a promuovere e organizzare la partecipazione al Forum della pace e alla Marcia:


•    delle scuole e delle classi, degli studenti e degli insegnanti impegnati in percorsi di educazione alla cittadinanza e alla costituzione nonché di educazione interculturale, educazione alla legalità, ai diritti umani, alla pace, alla democrazia, all’ambiente, al dialogo, allo sviluppo;

•    dei giovani e dei gruppi giovanili attivi sul territorio;

•    degli immigrati e dei “nuovi italiani” presenti sul territorio valorizzando e sviluppando tutte le esperienze interculturali di incontro, accoglienza, dialogo e condivisione che esistono nelle nostre città, nelle nostre scuole, associazioni e comunità;

•    dei Comuni, delle Province e delle Regioni che devono impegnarsi fattivamente a promuovere tutti i diritti umani per tutti sul proprio territorio e nel mondo.

Le persone che faciliteranno
questo processo, in ogni città, entreranno a far parte del comitato organizzatore del Forum e della Marcia per la pace Perugia-Assisi.

La preparazione del Forum e della Marcia per la pace Perugia-Assisi ci deve aiutare ad unire e rafforzare l’azione di quanti sono impegnati, dentro e fuori il nostro paese, contro le vecchie e nuove povertà, le guerre, le mafie e l’illegalità, le ingiustizie, le violazioni dei diritti umani.

L’obiettivo è valorizzare, rafforzare ed estendere tutte le iniziative, i programmi e i progetti che su questi obiettivi vengono realizzati dalle scuole, dalle associazioni e dagli enti locali.

Il Forum e la Marcia per la pace Perugia-Assisi sono parte di un percorso comune che ha già alcune tappe importanti:

•    10 dicembre 2009: 61° Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

•    20 gennaio 2010 (e settimane seguenti): Treno della Memoria organizzato dall’Associazione Terra del Fuoco

•    5-7 Febbraio 2010: Quarta edizione di “Strada Facendo” a Terni

•    20 Marzo 2010: XV Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie. Manifestazione nazionale a Milano organizzata da Libera e Avviso Pubblico

•    14-15 maggio 2010: Forum della pace a Perugia

•    16 maggio 2010: Marcia per la pace Perugia-Assisi

Questo calendario sarà progressivamente arricchito da tutte le iniziative, coerenti con gli obiettivi generali del progetto, che ciascuno vorrà promuovere.


Il 16 maggio 2010
c’incontreremo in tanti, lungo la strada che porta da Perugia ad Assisi, per condividere le fatiche e i risultati raggiunti. Sarà un gran giorno di festa.


La Marcia per la pace Perugia-Assisi è un progetto aperto
al contributo di tutti. Se lo condividi,
inviaci subito la tua adesione, le tue idee e proposte.

Incontriamoci ogni giorno su questo sito
on line per fare pace insieme a te

Per adesioni, comunicazioni e informazioni:
Tavola della Pace
via della viola 1 (06122) Perugia - Tel. 075/5736890 - fax 075/5739337
email segreteria@perlapace.it

Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani
via della Viola 1  (06122) Perugia tel. 075/5722479 - fax 075/5721234
email info@entilocalipace.it  - www.entilocalipace.it

Articoli collegati

Documenti collegati

Leggi tutte le news

Gaza: Come giudichi il comportamento del governo italiano?

Si è votato dal 02.08.2014 al 31.10.2014

> Leggi i risultati

Marcia Perugia-Assisi. Guida per le scuole

Come organizzare la partecipazione delle scuole alla prossima Marcia della pace e della fraternità Perugia-Assisi del 9 ottobre 2016


Guerre: il tempo di reagire è ora!

Aderisci anche tu all'Appello della Tavola della pace lanciato lo scorso sabato dal Centro Balducci di Zugliano


Organizziamo assieme una grande Marcia Perugia-Assisi

La pace si allontana! Aiutaci a riportarla nel mondo e a radicarla in Europa. Domenica 9 ottobre 2016 Marcia della pace e della fraternità da Perugia ad Assisi.


Verità e giustizia per Giulio Regeni!

La Tavola della pace e la Rete della PerugiAssisi chiedono che emerga tutta la verità e sia fatta giustizia per lo studente ucciso in Egitto