ABBATTIAMO I MURI! Aderisci alla campagna!


La redazione


Organizziamo insieme una grande campagna contro tutti i muri che si continuano ad innalzare nel mondo, muri fisici di cemento armato e filo spinato ma anche i muri invisibili dell’indifferenza e dell’odio. Aderisci anche tu!


CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+
268

Abbattiamo i muri

Costruiamo una fraternità universale
 

Il 9 novembre 1989 cadeva il Muro di Berlino. E fu una grande festa. Era la fine della Guerra Fredda, della divisione dell’Europa e del mondo in due blocchi contrapposti. L’inizio di una nuova storia.
 
Trent’anni dopo, molti altri muri minacciano i nostri diritti, i beni comuni, la nostra voglia di libertà e di giustizia. Molti sono stati innalzati negli ultimi anni. Altri sono ancora in costruzione nei nostri paesi, in Europa e nel mondo. Non servono per proteggere ma per respingere, chiudere, rinchiudere, oscurare, dividere.
 
Alcuni sono muri di cemento armato e filo spinato. Altri sono invisibili ma ancora più estesi e devastanti. Sono i muri dell’indifferenza, dell’antagonismo infinito, della competizione selvaggia, dell’ingiustizia, delle disuguaglianze, della miseria, del pregiudizio, dell’intolleranza, dell’odio. Sono i muri mediatici che alimentano paure, conflitti, ignoranza, individualismo e incomprensioni. Sono muri che ci mettono gli uni contro gli altri, che lacerano la vita di persone, famiglie, comunità, popoli e paesi. E che minacciano di distruggere la nostra stessa Europa.
 
Contro tutti questi muri che ci stanno togliendo la libertà, distruggendo la nostra umanità, la pace e il sogno di una vita e di un mondo migliori, noi vogliamo insorgere.
 
Invece dei muri noi vogliamo costruire fraternità, una fraternità universale: un modo realmente nuovo, moderno, di vedere, intendere e organizzare le relazioni tra le persone e i popoli, i rapporti con la natura, la società, l’economia. E’ tempo di unire le nostre maniper affrontare insieme, con la nonviolenza, le sfide aperte, prenderci cura gli uni degli altri, non lasciare nessuno indietro, curare assieme la casa comune.
 
Abbattendo i muri, visibili e invisibili, noi vogliamo contrastare le divisioni, l’individualismo, le disuguaglianze, le ingiustizie, la solitudine, le persecuzioni, le violenze, le guerre, la corsa al riarmo. Vogliamo riunire la famiglia umana, costruire la casa comune europea, l’onu dei popoli, un ordine mondiale più giusto, solidale e democratico e una nuova società dove a tutti gli esseri umani vengano effettivamente riconosciuti la stessa dignità e gli stessi diritti fondamentali.La cittadinanza universale, plurale e inclusiva, deve prevalere sulla cittadinanza nazionale.Siamo tanti e diversi in un mondo di risorse finite che dobbiamo salvare e condividere: dobbiamo imparare ad agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.
 
La costruzione del Muro di Berlino segnò un’epoca molto buia e drammatica dell’Europa e del mondo. Per lungo tempo, quel muro sembrò inamovibile. Ma poi, sotto la pressione di milioni di persone, venne abbattuto. Nel nome della libertà e dei diritti umani.
 
Con quello stesso spirito, che è la vera anima di tutte le donne e gli uomini del mondo, noi invitiamo tutti ad abbattere i muri e a fare del prossimo 9 novembre 2019 una grande festa della fraternità,della libertà e della pace.
 
Per adesioni e informazioni: Tavola della pace, via della viola 1 (06122) Perugia –   Tel. 075/5736890 – M. 335.6590356 – email adesioni@perlapace.itwww.perlapace.it
 
Tavola della pace
 
Perugia, 21 gennaio 2019
 

SCARICA L’APPELLO: Appello contro tutti i muri

SCARICA LA LETTERA ALLE ASSOCIAZIONI: Lettera.adesione.campagna.muri

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someoneGoogle+

Rispondi a Maurizio Barbero Annulla risposta

8 commenti su “ABBATTIAMO I MURI! Aderisci alla campagna!

  • Maurizio Barbero

    Aderisco all’appello abbattiamo i muri: i muri di cemento, come quello costruito da Israele contro i palestinesi o quello voluto da Trump, ma anche quelli che si realizzano attraverso la chiusura dei porti o, peggio ancora, la chiusura dei cuori alla solidarietà verso chi è in difficoltà

  • Laura Zuanazzi

    Grazie. Aderisco all’appello Abbattiamo i muri e alle campagne per la pace.

  • ANGELO CHIURI

    condivido il commento di Maurizio Barbero ed aggiungo che come Pacifisti, dobbiamo denunciare con forza l’enorme quantità di armi prodotte in Italia e le altrettanto enormi ed insostenibili spese militari che nessun governo italiano o di tanti altri paesi, vuole ridurre!
    Inoltre dobbiamo lottare contro qualsiasi forma di sfruttamento, a vantaggio degli enormi profitti delle multinazionali.
    Lo sapete che soltanto in 6 detengono il 50% della ricchezza del Pianeta?

  • Roberto Silvestri

    Con il cuore gonfio di tristezza e la rabbia in corpo per l’imbarbarimento della nostra società, aderisco all’appello.

  • comuzzi alessandra

    ABBATTIAMO I MURI DELLE VECCHIE STRUTTURE CHE IMPEDISCONO IL MIGLIORAMENTO EVOLUTIVO DELL’ESSERE UMANO